Questo sito contribuisce alla audience di

Jethro Tull

gruppo rock britannico tra i più popolari che prende il nome da un pioniere dell'agricoltura moderna (J. Tull, 1674-1741). Grazie alla carica istrionica dal cantante, chitarrista e flautista Ian Anderson (Dunfermline 1947) e a uno stile che unisce più generi (jazz, blues, rock melodico) ad atmosfere talvolta classicheggianti, i Jethro Tull sono riusciti a ottenere un successo a livello internazionale, sin dal loro primo album (This Was, 1968). A rendere particolari le loro composizioni sono i vari arrangiamenti, complessi e raffinati, basati sull'ampio uso del flauto. Nel corso degli anni, la loro musica tende a modificarsi nei suoni: dal rock blues iniziale si avvicinano al filone progressive. L'album che li consacra come innovatori del rock viene pubblicato nel 1971 e contiene brani diventati classici (Aqualung, Locomotive breath, My god). Dopo i grandi successi delgli anni Settanta i Jethro Tull continuano con successo tra improvvise fiammate e qualche calo artistico, la loro attività discografica e concertistica. Tra le ultime produzioni si segnalano: Catfish Rising (1991), Roots to Branches (1995) e Dot Com (1999), The Jethro Tull Christmas Album (2003). Gli album più rappresentativi: Stand up (1969), Aqualung (1971), Thick as a brick (1972), A Passion Play (1973), Minstrel In The Gallery (1975).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti