Questo sito contribuisce alla audience di

Traffic

formazione britannica nata nel 1967 che ha inaugurato nuovi percorsi rock. Formato dal polistrumentista Steve Winwood (Handsworth, West Midlands, 1948) (già componente dello Spencer Davis Group col quale ha contribuito alla riscoperta del rhythm and blues), Jim Capaldi (Evesham, Worcestershire, 1944; Londra, 2005), Chris Wood (Birmingham, 1944-Birmingham, 1983) e Dave Mason (Tulsa, Oklahoma, 1944), il gruppo ha innovato il rock, inserendo nelle loro composizioni venature psichedeliche, folk e blues. Il loro album d'esordio, Mr. Fantasy (1967), anticipa le sonorità rock che poi si sono imposte nel corso degli Settanta, sebbene siano ancora presenti riferimenti al beat. I Traffic diventano popolari grazie a una serie di classici (Heaven Is In Your Mind; Freedom rider; John Barleycorn; Glad) in cui si amalgamo elementi quasi sinfonici ad arrangiamenti d'avanguardia, resi possibili dalla preparazione musicale dei singoli componenti. Tra tutti, emergono i virtuosismi e l'eclettismo di Winwood, il quale porta avanti progetti slegati alla band, tra cui la breve esperienza nei Blind Faith con E. Clapton, Ginger Baker e Rick Grech. I cambi di formazione e gli allontamenti dei componenti dovuti a collaborazioni esterne portano, nel 1975, allo scioglimento definitivo del gruppo. Winwood ha proseguito con alterni successi la carriera solista. Una discreta accoglienza viene riservata, nel 1994, a Far from home, album che segna una temporanea reunion dei Traffic (formati però solo da Winwood e Capaldi).Tra i lavori più rappresentativi: Traffic (1968), John Barleycorn must die (1970), The low spark of high heeled boys (1971).

Media


Non sono presenti media correlati