Questo sito contribuisce alla audience di

Àutari

re dei Longobardi dal 584 al 590. Fu eletto come successore del padre, Clefi, dopo un decennio di interregno, per fronteggiare l'offensiva antilongobarda dei Franchi e dei Bizantini, favorita dall'anarchia dei duchi nel periodo di mancanza del re. Autari scongiurò l'offensiva imponendo la sua autorità ai duchi, lottando con le armi e la diplomazia e avviando il processo di affiatamento tra i Longobardi e i Romani. A questo scopo assunse l'appellativo di Flavius, atteggiandosi a continuatore della tradizione imperiale, e sposò, benché ariano, la principessa bavarese cattolica Teodolinda (589). La sua figura e i suoi successi furono sopravvalutati dalla tradizione. Morì a Pavia, forse avvelenato, mentre si preparava a sostenere una guerra contro Franchi e Bizantini.