Questo sito contribuisce alla audience di

Álvarez, Santiago

cineasta cubano (L'Avana 1919-1998). Direttore per l'Istituto cubano di arte e industria del cinema (ICAIC) del Noticiero latinoamericano, ne fece un modello di cinegiornale d'attualità dinamico e battagliero, curando personalmente ciascuno dei 446 numeri usciti nei primi dieci anni. Maestro del documentario militante e del reportage, ha allineato una serie di opere importanti: Muerte al invasor (1961), Ciclón (1963), Now (1965), pamphlet di sei minuti sul razzismo yankee al ritmo d'una canzone di Lena Horne, Año 7 (1966), Cerro Pelado (1966), sullo sport cubano vittorioso ai Giochi di Portorico, Hanoi martes 13 (1967), uno dei migliori documentari sul Vietnam, L.B.J. (1968), satira del presidente degli USA L. B. Johnson, El sueño del pongo (1970), da uno scritto di M. Á. Asturias, Como, por que y para que se asesina a un general (1971), sull'uccisione del generale Schneider in Cile. Inoltre ha dedicato omaggi a “Che” Guevara (Hasta la victoria siempre, 1967) e al presidente vietnamita Ho Chi-Minh (79 primaveras, 1969). Nel 1983 ha realizzato il suo primo film di finzione: Los refugiados de la cueva del muerto.

Media


Non sono presenti media correlati