Questo sito contribuisce alla audience di

Ávalos, Alfònso d'-

marchese di Pescara e del Vasto (Ischia 1502-Milano 1546). Valente soldato, fu tra i protagonisti della battaglia di Pavia (1525) ed ereditò il marchesato dal cugino Ferdinando Francesco. Nel 1528, sconfitto nella battaglia navale del golfo di Salerno, fu fatto prigioniero da Filippino Doria, che abilmente riuscì poi a far passare dalla parte spagnola. Nel 1535 Carlo V gli affidò il comando delle truppe di terra nella spedizione contro Tunisi. Fu ancora a capo dell'esercito imperiale in Lombardia (1536) e divenne nel 1538 governatore dello Stato di Milano, conservando la carica fino alla Pace di Crépy (1544). Con la moglie Maria d'Aragona, figlia di Ferdinando di Napoli, condusse vita splendida e protesse uomini di cultura come P. Aretino, Tiziano, J. Nard.