Questo sito contribuisce alla audience di

Èco

(greco Ēchṓ), mitica personificazione greca dell'eco, connotativa della vanità e dell'illusione (come l'eco, voce vana e illusoria). Concepita come ninfa dei boschii, s'innamora vanamente di un satiro che la sfugge, o di Narciso; muore dilaniata dai cani di pastori aizzati dal dio Pan, respinto da Eco, e si trasforma in voce, costretta a ripetere solo le ultime parole di chi parla con lei.

Media


Non sono presenti media correlati