Questo sito contribuisce alla audience di

Òpera d'arte nell'època della sua riproducibilità tècnica, L'-

opera di Walter Benjamin pubblicata in edizione originale nel 1936 con il titolo Das Kunstwek im Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkeit e in traduzione italiana nel 1966. È una raccolta di cinque saggi appartenenti per lo più agli ultimi anni di attività dello studioso tedesco e dedicati al rapporto tra arte e società di massa. Al primo saggio, che dà il titolo alla raccolta, si affiancano i lavori dedicati alla storia della fotografia, alla figura del collezionista d'arte Eduard Fuchs, al teatro epico, alle liriche di Bertolt Brecht. La tesi di Benjamin è che l'opera d'arte perde la sua “aura”, cioè il “qui e ora” caratteristico della creazione artistica che la rende unica, nel momento in cui la tecnologia ne permette una fruizione di massa, ripetibile in modalità e tempi diversi. Per l'autore, però, questa perdita non è negativa, non è cioè una perdita di qualità, quanto piuttosto una “desacralizzazione”, che sancisce il passaggio a un'esperienza laica della cultura.

Media


Non sono presenti media correlati