Questo sito contribuisce alla audience di

Òssola, Repùbblica dell''-

governo istituito durante la seconda guerra mondiale da formazioni partigiane nel settembre 1944. Dopo ripetute azioni di molestia e isolati colpi di mano sui presidi nazifascisti della val d'Ossola, i partigiani diedero inizio alla fine dell'agosto 1944 a una vera e propria offensiva militare che portò alla liberazione di tutta la valle e all'occupazione di Domodossola presidiata da 400 militari italo-tedeschi (10 settembre 1944). Costituitasi immediatamente una giunta di governo provvisorio formata dai rappresentanti di tutti i partiti del CLNAI, si diede vita a un organismo politico il cui territorio andò grosso modo dal Lago Maggiore alla Valsesia, da Gravellona al Sempione e la cui popolazione raggiunse circa gli 80.000 abitanti. La repubblica, che si articolò immediatamente su basi democratiche e progressiste, dovette però cedere presto alla controffensiva nemica: nonostante la sanguinosa resistenza Domodossola cadde nuovamente in mano fascista il 10 ottobre 1944 e il 23 del medesimo mese gli ultimi partigiani combattenti furono costretti a rifugiarsi in Svizzera. Con loro lasciarono la valle 35.000 civili.

Bibliografia

A. Azzari, L'Ossola nella Resistenza italiana, Domodossola, 1954; M. Fini, F. Giannantoni, R. Pesenti, M. Punzo, Guerriglia nell'Ossola - Diari, documenti, testimonianze garibaldini, Milano, 1975; E. Oliva, La repubblica partigiana nell'Ossola, Domodossola, 1983.

Media


Non sono presenti media correlati