Questo sito contribuisce alla audience di

àpuli, vasi-

vasi prodotti nel sec. IV a. C. a Taranto e in altri centri pugliesi; sono i vasi italioti più noti e numerosi. Molti recano scene dionisiache, di gineceo, di palestra (vasi di stile piano), spesso ripetute e stereotipate; altri di maggior impegno (vasi di stile ornato), o di dimensioni eccezionali (anfora dei Persiani, da Canosa, a Napoli, Museo Archeologico Nazionale) hanno figurazioni mitologiche (pittori della Iliupersis, di Licurgo, di Dario) spesso ispirate a rappresentazioni teatrali. Lo stile dei vasi apuli, abbastanza vicino a quello dei contemporanei vasi attici, continua quello dei pittori protoitaliotidella Danzatrice e di Sisifo della fine del sec. V a. C. Dalla ceramica apula deriva quella di Egnazia.