Questo sito contribuisce alla audience di

èstro

Guarda l'indice

Lessico

sm. [sec. XVI; dal greco óistros, tramite il latino oestrus, propr. pungolo, tafano].

1) Sollecitazione, stimolo a un'impresa del pensiero o a un'azione. Fig., impulso creativo, ispirazione poetica. Per estensione, originalità improvvisa, capriccio, bizzarria.

2) Stadio della maturazione e della deiscenza dei follicoli che si riscontra nella femmina degli animali.

3) Nome degli Insetti Ditteri della famiglia degli Estridi. La specie principale è l'estro della pecora (Oestrus ovis), le cui femmine depongono le loro larve in corrispondenza delle narici di pecore e capre. Di qui, con i movimenti inspiratori, le larve si portano nei seni frontali, mascellari ed etmoidali dell'ospite, dove si insediano. Tale loro presenza dà luogo a una sindrome morbosa del mammifero parassitato, che appare in preda a disturbi del senso dell'equilibrio, talvolta seguiti anche dalla morte (cosiddetta “vertigine da estro”). Pervenute nuovamente all'esterno grazie agli starnuti dell'ospite, le larve si impupano nel terreno. Si conoscono anche casi di infestione a carico dell'uomo e del cane.

Zoologia

Durante l'estro, detto anche periodo del calore, in cui si verificano notevoli modificazioni dell'apparato sessuale (aumento del volume dell'utero e contrazioni dello stesso, secrezione di muco, turgore mammario, ecc.) e psichico, si manifesta nella femmina il desiderio sessuale. L'estro rappresenta la 3a fase del ciclo sessuale femminile; è infatti preceduto dal diestro (fase di riposo sessuale) e dal proestro (fase di sviluppo dei follicoli) e seguito dal metaestro (fase di rottura del follicolo e formazione del corpo luteo). Il ciclo sessuale ha durata diversa secondo le specie. Nella vacca è di 3 settimane con un solo giorno di estro. I calori ricompaiono dopo un periodo di 35-80 giorni. Nella pecora, il cui ciclo sessuale è di 15-18 giorni, il calore, con durata di 2 giorni, si manifesta solitamente in autunno. La cavalla ha un ciclo sessuale, preferibilmente primaverile-estivo, di 22-28 giorni, con periodo estrale di 3 giorni. Nella scrofa il ciclo sessuale dura 3 settimane con 3 giorni di estro. Nella cagna, con ciclo sessuale di 6 mesi, i calori, che si manifestano in primavera e autunno, durano dagli 8 ai 12 giorni. Nella gatta i calori, che possono manifestarsi 3 volte l'anno, hanno durata da 2 a 4 giorni. L'estro è annuale nelle specie monoestre (Ungulati e Carnivori); si verifica più volte all'anno nelle specie poliestre (Roditori e Primati).