Questo sito contribuisce alla audience di

ètnico

agg. (pl. m. -ci) [sec. XIV; dal greco ethnikós, del popolo, tramite il latino ethnícus].

1) Che concerne una razza; in particolare, proprio di un popolo: carattere etnico, musica etnica. In particolare, gruppo etnico, insieme umano che si caratterizza per comunanza di cultura e lingua. In antropologia il concetto di gruppo etnico e di etnia sono spesso sovrapponibili. La nozione di gruppo etnico non si presta tuttavia a un'unica definizione, per la difficoltà di delineare con nettezza le comunità umane, che non conservano mai a lungo identici i caratteri culturali e istituzionali, anche a causa delle dinamiche con altri gruppi. Di contro l'antropologo statunitense C. Geertz indica nella necessità dei membri di un determinato gruppo di identificarsi con le proprie origini il fondamento della conservazione degli elementi etnici caratteristici.

2) Detto di agettivo o nome der. da un nome di paese o regione e indicante l'appartenenza a questo paese o a questa regione (per esempio, veneto, tedesco).

3) Nella terminologia biblica e cristiana antica, indica le popolazioni “pagane” in opposizione al popolo giudaico e cristiano.

Espressione con la quale viene indicato il tentativo di preservare la presunta “purezza” di un determinato gruppo etnico, evitandone la contaminazione a opera di minoranze di etnia diversa, messo in atto tramite l'allontanamento forzato di queste stesse minoranze o mediante il loro sterminio. Il termine è entrato nell'uso corrente in riferimento alle finalità delle operazioni belliche condotte dall'esercito serbo-bosniaco nei territori della ex Iugoslavia rivendicati dall'autoproclamatasi Repubblica Serba di Bosnia. In seguito alla conquista dell'indipendenza da parte della Bosnia-Erzegovina, raggiunta nel 1992 con l'accordo delle etnie musulmana e croata, infatti, i Serbi – terza grande etnia presente nella regione – in un clima di autentica guerra civile, dichiaravano a loro volta la propria indipendenza, dando il via a feroci combattimenti per allontanare le minoranze presenti (nella fattispecie, soprattutto musulmane).