Questo sito contribuisce alla audience di

ʽOsmān Aden Abdullah

uomo politico somalo (Belet Uen 1908-Nairobi, Kenya, 2007). Nel 1944 entrò nella Lega dei Giovani Somali divenendone presidente (1954-56). Esponente della corrente favorevole alla cooperazione con l'amministrazione fiduciaria italiana, fu eletto, dopo le elezioni politiche del 1956, presidente della prima Assemblea Legislativa Somala e al momento dell'indipendenza della Somalia (1º luglio 1960) divenne presidente provvisorio della nuova Repubblica Somala. Dopo il referendum costituzionale del 1961 fu confermato alla presidenza per sei anni (30 giugno 1961-30 giugno 1967). Tornato all'impegno politico nel 1990 sottoscrivendo il Manifesto di Mogadiscio con il quale si chiedevano le dimissioni di Moḥammad Siad Barre e il ripristino della democrazia, nella sanguinosa guerra civile seguita alla cacciata di Siad Barre ha lavorato attivamente per una difficile riconciliazione nazionale, ma nonostante fosse circondato dal generale rispetto, ʽOsmān si è poi ritirato dalla scena politica, mantenendo una rigorosa distanza dai gruppi in conflitto.

Media


Non sono presenti media correlati