Questo sito contribuisce alla audience di

Aśvaghoṣa

poeta e filosofo buddhista (circa 80-circa 150). Vissuto alla corte del re indiano Kaniṣka I, è autore del Buddhacarita, una biografia del Buddha, e di un dramma in nove atti, il Sāriputra prakaraṇa (La commedia di Sariputra). Fu uno dei massimi artefici della corrente buddhista Mahayana e uno dei più accesi oppositori della casta, che egli considera nel trattato Vajra sūcicā (Ago di diamante), non universalmente attribuitogli, “determinata dalla grandezza e non già dalla nascita”.