Questo sito contribuisce alla audience di

Abū l-Farag al-Iṣfāhāni

letterato arabo (Esfahān 897-Baghdad 967). Deve la sua fama soprattutto a una monumentale opera in venti volumi alla quale dedicò cinquant'anni di lavoro, il Libro dei canti, che è una storia della poesia araba musicata, basata su una raccolta di cento melodie composte da artisti famosi, primo fra tutti Ibrāhīm al-Mawṣili. Abū l-Farag al-Iṣfāhāni la completò aggiungendo un considerevole numero di notizie sui poeti e sui musici, raccogliendo un'infinità di poemi e tutta una serie di tradizioni e aneddoti che fanno del Libro dei canti una fonte preziosissima per la conoscenza della vita culturale araba.

Media


Non sono presenti media correlati