Questo sito contribuisce alla audience di

Adams, Samuel

uomo politico statunitense (Boston 1722-1803). Considerato il teorico dell'indipendenza nordamericana, presentò già nel 1743 una tesi sul diritto di resistere all'autorità quando questo è l'unico mezzo per difendere il bene comune; svolse poi una parte di primo piano durante la preparazione e lo svolgimento della lotta per l'indipendenza americana e fu uno dei più tenaci oppositori alla politica coloniale britannica. Autore delle proteste di Boston contro le leggi fiscali britanniche, fu poi uno degli organizzatori del Boston tea party (16 dicembre 1773), dei comitati di corrispondenza, che si trasformarono in centri di agitazione e di resistenza antibritannica, e dell'azione dei franchi tiratori. Come membro del Congresso continentale (1774-81) votò la dichiarazione d'indipendenza (4 luglio 1776); prese poi parte alla Convenzione costituente del Massachusetts e fu eletto governatore dal 1794 al 1797.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti