Questo sito contribuisce alla audience di

Adimari

famiglia guelfa di Firenze, nota fin dal sec. XIII: Dante e Boccaccio nominano Filippo, detto Argenti (Inferno, VIII v. 31-66 e Decamerone, g. IX nov. VIII), e Tegghiaio(Inferno, VI v. 79 e XVI v. 40-42). Costantemente al centro della vita politica, gli Adimari lottarono contro Manfredi a Benevento (1266), congiurarono con i Pazzi e i Cerchi contro Gualtieri VI di Brienne (1343), furono podestà, ambasciatori e letterati.

Media


Non sono presenti media correlati