Questo sito contribuisce alla audience di

Aeronàutica d'Itàlia S.A.

società nata nel 1926 dall'acquisizione delle attività aeronautiche Ansaldo da parte della FIAT Aviazione, a sua volta operante dal 1916 come Società Italiana Aviazione (SIA). L'abbreviazione Aeritalia, utilizzata generalmente per indicare tanto l'azienda quanto il suo campo di volo torinese, non designò mai i suoi prodotti che si chiamarono sempre FIAT. Si ricordano gli apparecchi progettati da C. Rosatelli (le serie di cacciaCR, il cui vertice si ebbe con il CR 32 del 1933, e i bombardieri BR, culminati con il bimotore metallico BR 20) e G. Gabrielli (trasporti G 18 e G 12, caccia G 50 e G 55). Dal 1954 tornò a chiamarsi FIAT Aviazione. Il nome Aeritalia fu ripreso nel 1969 a indicare la società sorta dalla fusione tra la FIAT, la Salmoiraghi e l'Aerfer del gruppo IRI-Finmeccanica.

Media


Non sono presenti media correlati