Questo sito contribuisce alla audience di

Ajani, Giùlio

patriota italiano (Roma 1835-Saliceto San Giuliano, Modena, 1890). Trasformò un piccolo lanificio che possedeva a Roma in un attivo centro patriottico che preparò il moto del 1867, coordinato con la spedizione di Garibaldi, contro lo Stato pontificio. Arrestato e condannato a morte (1868), ottenne la commutazione della pena nell'ergastolo e nel 1870 fu liberato.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti