Questo sito contribuisce alla audience di

Alessandro Nevskij (granduca di Russia)

duca di Novgorod, granduca di Vladimir e di tutta la Russia (1220-1263). Il suo regno fu caratterizzato da un lato dalla lotta contro gli Svedesi, i Lituani e gli ordini germanici, dall'altro dalla necessità di mantenere buoni rapporti con i Mongoli che dominavano su vasti territori della Russia. Abile uomo d'armi, affrontò l'esercito svedese che si avvicinava minacciosamente a Novgorod, sconfiggendolo (15 luglio 1240) sul fiume Neva (a ricordo di questo successo il duca fu chiamato Nevskij). La successiva vittoria (5 aprile 1242) ottenuta combattendo contro i Cavalieri Teutonici servì ad allontanare le minacce che al suo regno venivano da Occidente. Riaffermò l'autorità monarchica contro la nobiltà feudale e l'oligarchia mercantile di Novgorod. Ottenuto il granducato nel 1252 dai Tatari pagò ai Khān i tributi richiesti e si recò inoltre alla loro corte per manifestare la sua piena sottomissione. Fu canonizzato dalla Chiesa ortodossa.

Media


Non sono presenti media correlati