Questo sito contribuisce alla audience di

Ali Sir Nevai

poeta e uomo di Stato turco ciagataico (Herāt 1441-1501), il maggiore rappresentante della letteratura in turco-orientale. Compagno di studi di Ḥusain Mīrzā ibn Manṣūr ibn Bāyqarā, sultano di Herāt, nel 1469 divenne suo ministro. Vissuto in un'epoca in cui il persiano e il turco si disputavano la supremazia linguistica nell'Asia centrale, Nevai (lett., “il melodioso”) contribuì enormemente all'affermazione del turco come lingua letteraria, tanto che il turco ciagataico venne chiamato “la lingua di Nevai”. La sua vastissima produzione poetica comprende quattro voluminosi canzonieri, cinque poemi in versi (Lo stupore dei giusti, Farhad e Sirin, Mağnun e Laila, I sette viandanti e La muraglia di Alessandro), una Biografia dei poeti, la prima del genere in turco, un trattato di etica in versi, L'amico dei cuori, e un confronto fra la lingua turca e la lingua persiana, Giudizio delle due lingue.

Media


Non sono presenti media correlati