Questo sito contribuisce alla audience di

Alicante (città)

capoluogo della provincia omonima (comunità autonoma: Valencia, Spagna), 7 m s.m., 319.380 ab. (stima 2005).

Città della Spagna sudorientale, situata sul mar Mediterraneo in un'insenatura della Costa Bianca ed è protetta dai monti del Fosal e del Benacantil, sui quali si trovano rispettivamente i castelli di S. Ferdinando e di S. Barbara. Dagli inizi del sec. XX la città ha registrato un notevole incremento demografico grazie alla crescente importanza del suo porto, sbocco marittimo di Madrid e della Spagna centrale. È una frequentata stazione balneare, dotata di una buona attrezzatura alberghiera e servita da un aeroporto internazionale. § Alicante fu la romana Lucentum, poi una roccaforte araba; per la sua importanza strategica fu a lungo contesa tra Castiglia e Aragona, in cui fu incorporata nel 1296. Durante la guerra di Successione spagnola fu occupata (1706-09) dall'arciduca Carlo d'Austria. Tra i principali edifici antichi sono il municipio barocco e la chiesa di S. Maria, gotica ma largamente rimaneggiata nel sec. XVIII. La città di Alicante divenne nota per la produzione del tipo di soda detta barilla, usata per la fabbricazione del vetro ed esportata anche a Murano. § Tra le celebrazioni più popolari figurano le cosiddette Cruces de Mayo, in cui vengono confezionate e portate in processione, a maggio, decine di croci di fiori; la festa delle Fogueras de San Juan, il 24 di giugno, caratterizzata da un grandioso spettacolo di fuochi artificiali, dopo giorni di corride, processioni e balli in piazza; la Fiesta de los Moros y Cristianos, che ricorda il periodo della Reconquista, con una spettacolare ricostruzione storica in costume, che si conclude il 6 dicembre.

Media


Non sono presenti media correlati