Questo sito contribuisce alla audience di

Allāh

il Dio unico dell'islamismo. In epoca preislamica c'era già tra gli Arabi la credenza in un essere supremo, ma il termine “dio” non era riservato a lui. Fu con la predicazione di Maometto che si giunse a una concezione monoteistica, quale è sintetizzata nel primo articolo del credo musulmano: “Non c'è altro dio (ilāh) che Iddio (Allāh)”. Nei confronti dell'Universo, Allāh è il creatore e signore assoluto. Nei confronti dell'uomo, è il Misericordioso. La posizione dell'uomo nei riguardi di Allāh è di assoluta dipendenza. La teologia islamica si è contenuta nella rappresentazione di Allāh fornita da Maometto. Anche le espressioni puramente poetiche e le immagini che il Profeta usò per parlare di Allāh divennero poi oggetto di controversie teologiche. Il tutto, del resto, è nello spirito della predicazione di Maometto che in Allāh vedeva la realtà in senso assoluto: dunque anche un'immagine poetica, quando si trattava di Allāh, tendeva a diventare significativamente “realistica” nell'interpretazione dei seguaci. Le dottrine sulla “persona” di Allāh possono raggrupparsi in tre indirizzi generali. I tradizionalisti, che si attengono al Corano per “credere” tutto quel che vi si dice di Allāh “senza chiedersi come e senza fare confronti”; o se confronti si fanno, sono in senso negativo, sul tipo di una rima tuttora corrente al Cairo: “Ogni cosa che ti viene in mente è deperibile, Allāh è diverso da ciò”. I razionalisti (corrente che si forma dallo studio della filosofia greca), che riconoscono la legittimità dell'uso della ragione ('aḳl) e quindi la possibilità di trarre illazioni dai testi coranici e di sottoporli a critica; essi, per esempio, non accettano: gli attributi di Allāh, perché ne infirmerebbero la concezione unitaria; la predestinazione, che sarebbe contraria alla giustizia divina; la visione di Allāh, sia pure in paradiso, che in qualche modo materializzerebbe il dio. I mistici, infine, che ritengono possibile una conoscenza diretta di Allāh mediante un'esperienza personale superante le nozioni contenute nel Corano e i ragionamenti dei filosofi; naturalmente una simile esperienza non è descrivibile e quindi non può essere oggetto d'insegnamento. Quando è intervenuto l'insegnamento dei mistici, la “persona” di Allāh si è fatalmente (tendenzialmente) dispersa in una concezione panteistica più che monoteistica.

Media


Non sono presenti media correlati