Questo sito contribuisce alla audience di

Alosa

genere di Osteitti della famiglia dei Clupeidi. Le sue specie hanno il corpo fusiforme, lungo 40-50 cm, piuttosto panciuto, ricoperto da grosse scaglie trasformate in placche carenate lungo il profilo ventrale; il muso è ottuso; la bocca, tagliata obliquamente, ha la mandibola prominente provvista di numerosi piccoli denti; la colorazione è generalmente azzurra sul dorso, argentea sui fianchi e sul ventre, caratterizzata da una serie di macchie scure circolari allineate lungo i fianchi; le carni sono abbastanza apprezzate. La specie più nota nelle acque europee è l'Alosa fallax suddivisa in diverse sottospecie simili per morfologia ma dai costumi molto differenti. L'Alosa fallax nilotica, nota anche con il nome di cheppia, è un pesce tipicamente marino che risale i fiumi in banchi numerosi nel periodo della riproduzione. L'Alosa fallax lacustris o agone è invece completamente adattata alle acque dolci e vive esclusivamente nei laghi italiani e svizzeri. Ha carni assai gustose, simili a quelle della sarda, e si prepara fritta, alla griglia e spesso in carpione. Con il nome di misoltini o missoltini costituiscono una specialità del lago di Como. Specie affine alla precedente, vivente nel Mediterraneo e nell'Atlantico, è l'Alosa alosa. Alcune specie di Alosa sono anche note con i nomi di laccia, salacca, sardone.

Media


Non sono presenti media correlati