Questo sito contribuisce alla audience di

Amati, Carlo

architetto italiano (Monza 1776-Milano 1852). Studiò lettere con Parini e all'Accademia di Brera fu allievo di Albertolli e di Pollack. Collaborò con Zanoia alla facciata del duomo di Milano (1807-13) e rivelò il suo gusto neoclassico nella chiesa di Casatenovo (1805) e soprattutto nella chiesa di S. Carlo Borromeo a Milano (in cui unì l'imitazione del Pantheon a ricordi bramanteschi) con la sistemazione della piazza porticata (1836-47). Fu autore di alcuni trattati, fra cui Antichità di Milano (1804), Il duomo di Milano (1804), Memoria sullo stato dell'architettura nel Medio Evo (1825).

Media


Non sono presenti media correlati