Questo sito contribuisce alla audience di

Anastàsio Bibliotecàrio

erudito, cardinale (forse Roma ca. 817-dopo l'877). Studiò in diversi monasteri di Roma, formandosi una solida cultura greca e latina. Creato cardinale da Leone IV nell'847, fu scomunicato nell'853 per aver abbandonato la sua sede e aver rifiutato di ritornarvi. Era infatti molto ambizioso e si era legato al partito imperiale nella speranza di poter essere eletto papa. A questo scopo, alla morte di Leone IV ritornò a Roma a capo di un esercito, ma fu sconfitto. Chiesto perdono, fu ridotto allo stato laicale, ma presto riacquistò il favore di Niccolò I e fu nominato consigliere, carica che mantenne anche sotto Adriano II e Giovanni VIII acquistando notevole lustro: lo troviamo infatti impegnato nelle controversie con Fozio, nel Concilio Ecumenico Costantinopolitano IV (869-70), di cui tradusse in latino gli Atti. A lui si deve anche la traduzione in latino degli Atti del Concilio Niceno VII (787). Altre traduzioni sono i Collectanea, gli Acta S. Martini papae, la Historia ecclesiastica. Particolarmente importanti per erudizione le lettere esplicatorie che Anastasio Bibliotecario premise alle traduzioni. Dopo l'877 il suo nome scompare dai documenti.

Media


Non sono presenti media correlati