Questo sito contribuisce alla audience di

Anastàsio il Vecchio

patriarca di Antiochia, santo (m. 598 o 599). Difensore intrepido dell'ortodossia, subì le persecuzioni di Giustiniano e del suo successore Giustino, che lo espulse dalla sua sede e lo relegò a Gerusalemme (570). Con il fraterno aiuto di Gregorio Magno ritornò nella sua sede nel 593. In difesa dell'ortodossia scrisse il De Sanctissima Trinitate; De incircumscripta Dei essentia; De divina oeconomia; De passione et impassibilitate Christi; De resurrectione Christi. Festa il 21 aprile.

Media


Non sono presenti media correlati