Questo sito contribuisce alla audience di

Andròmeda (astronomia)

(latino scientifico Andromĕda; abbreviazione And), costellazione boreale, visibile da giugno a dicembre; è compresa fra ca. 23h e 3h di ascensione retta e +20º e +50º di declinazione . Fra le stelle che vi compaiono sono da ricordare la doppia spettroscopica α And (Alpheratz o Sirrah) di 2m,1; la β And (Mirach) gigante rossa di 2m,2; la γ And (Alamak) di 2m,3. La costellazione contiene la cospicua Nebulosa a spirale M31 (o NGC224) visibile a occhio nudo come una vaga nebulosità di ca. 2º×0,5º, posta 10º a NE della stella Mirach (β And), ovvero 20º a S della costellazione Cassiopea. Osservata fotograficamente, la Nebulosa di Andromeda si rivela come una galassia a spirale del tipo Sb della classificazione di Hubble. La Nebulosa di Andromeda dista dalla Terra ca. 2,5 milioni di anni luce e ha un diametro di ca. 200.000 anni luce, mentre il nucleo ha un diametro di 20.000 anni luce. Nell'anno 1885 vi comparve la prima supernova extragalattica che si ricordi. Le braccia a spirale della galassia furono risolte in singole stelle per la prima volta da E. P. Hubble nel 1923, mentre W. Baade, nel 1943, osservò stelle rosse di popolazione I anche nel nucleo. Intorno alla Nebulosa di Andromeda sono osservabili, come anche nella nostra Galassia, numerosi ammassi globulari. La massa della Nebulosa di Andromeda è pari alla massa di ca. 250 miliardi di Soli, quindi risulta quasi doppiamente massiccia nei confronti della nostra Galassia; entrambe sono coeve, possiedono caratteristiche dinamiche e strutturali simili e certamente – viste dallo spazio – presentano il medesimo aspetto. Entrambe, infine, fanno parte, insieme con le Nubi di Magellano e altre galassie, quali M32 e NGC205, poste vicinissime a M31, del cosiddetto “Gruppo Locale” di galassie (le più vicine alla nostra e a questa fisicamente collegate).

Media

Andromeda.