Questo sito contribuisce alla audience di

Andrej Rublëv

film di epoca sovietica (1969) di A. Tarkovskij. È un affresco di tre ore in bianco e nero – salvo il finale che è a colori e si risolve in un inno all'arte di Rublëv – sul grande pittore russo di icone vissuto fra il Trecento e il Quattrocento. Esso non offre tanto la biografia di un artista, del quale d'altronde si conosce assai poco, quanto un'allegoria sui rapporti tra l'artista e il suo tempo e quindi tra l'arte (di ogni tempo) e il potere. Terminato nel 1966, fu bloccato per tre anni, poi improvvisamente inviato al Festival di Cannes, dove la critica mondiale lo giudicò un capolavoro degno dell'eredità di Ejzenštejn.

Media


Non sono presenti media correlati