Questo sito contribuisce alla audience di

Angelóni, Luigi

patriota e scrittore italiano (Frosinone 1759-Londra 1842). Tribuno nella Repubblica Romana del 1798, fu esule in Francia, dove ebbe contatti con F. Buonarroti e da dove seguì i movimenti settari italiani. Espulso dalla Francia nel 1823, si rifugiò a Londra. Nei suoi scritti (Sopra l'ordinamento che aver dovrebbono i governi d'Italia, 1814; Dell'Italia uscente il settembre 1818, 1818; Della forza delle cose politiche, 1826; Esortazioni patrie, 1837), fondandosi su precisi dati storico-politici, sostenne il metodo federativo; in letteratura fu, con A. Cesari, strenuo assertore del trecentismo toscano.