Questo sito contribuisce alla audience di

Angiòj, Gian Marìa

magistrato e politico italiano (Bono 1751-Parigi 1808). Brillante avvocato ed eminente figura del mondo politico sardo, dal 1794 al 1795 capeggiò la corrente democratica antifeudale del movimento patriottico isolano in rivolta contro i Francesi e il dominio piemontese. Nel 1796, in una situazione estremamente confusa, mentre il conflitto tra feudatari e democratici era molto aspro, il viceré Vivalda chiamava a Sassari Angioj, con il titolo di vicario, forse per allontanarlo dal vivo della contesa. Confidando sulla prosecuzione della guerra tra Francia e Sardegna, che gli consentì di organizzare e dirigere un moto giacobino, Angioj marciò su Cagliari, ma l'impresa fallì: l'annuncio della pace lo colse esitante a Oristano ed egli, rifugiatosi a Parigi, chiese invano ai Francesi di sbarcare in Sardegna.

Media


Non sono presenti media correlati