Questo sito contribuisce alla audience di

Angrógna

comune in provincia di Torino (55 km), 782 m s.m., 38,69 km², 777 ab. (angrognini), patrono: san Lorenzo (10 agosto).

Centro situato nella valle secondaria del torrente omonimo, affluente di sinistra del torrente Pellice. La sua storia è strettamente legata a quella dei valdesi: nel 1532 in località Cianforan si tenne il Sinodo delle chiese valdesi di Francia, delle Alpi, della Calabria e delle Puglie, in occasione del quale fu decisa l'adesione alla riforma protestante e la stampa della Bibbia di Olivetan (1535). Qui ebbe anche inizio il culto pubblico. La frazione Pradeltorno, munita di difese naturali, fu nei sec. XVI-XVIII il fulcro della resistenza valdese. Le lotte cessarono dopo che Carlo Alberto concesse ai valdesi la libertà di culto. Oggi il comune è bireligioso e bilingue (italiano e francese).§ Ad Angrogna sorge il più antico tempio valdese (1553) delle valli di Pinerolo. A Serre sono il monumento Cianforan e la “ghieisa d'la tana”, una caverna dove si tenevano segretamente le cerimonie religiose. Una cappella valdese, in stile gotico, sorge a Pradeltorno.§ La principali risorse derivano dallo sfruttamento dei boschi e dal turismo (villeggiatura estiva).

Media


Non sono presenti media correlati