Questo sito contribuisce alla audience di

Animùccia, Giovanni

compositore italiano (Firenze inizio sec. XVI-Roma 1571). Studiò a Firenze nell'ambiente di F. Corteccia e verso il 1550 si stabilì a Roma, dove nel 1555 succedette a Palestrina come maestro di cappella in S. Pietro. Seguace e collaboratore di San Filippo Neri, scrisse per lui laudi e composizioni spirituali, che tendono a un'omofonica declamazione della parola e preparano così l'avvento dell'oratorio e della monodia accompagnata; le messe e i mottetti sono invece legati alla grande tradizione polifonica di Palestrina.

Media


Non sono presenti media correlati