Questo sito contribuisce alla audience di

Annibaldi, Riccardo

cardinale (m. Lione 1276). Innalzato alla dignità cardinalizia dal prozio Gregorio IX, riunì gli eremiti di Toscana sotto la regola di Sant'Agostino e disbrigò importanti affari politici della Chiesa: a Firenze, nel 1252, ristabilì la pace per le fazioni della Toscana; fece parte dell'ambasceria inviata a Carlo I d'Angiò per investirlo re di Napoli; fu uno dei sei cardinali ai quali i contrastanti partiti del conclave, non riuscendo ad accordarsi, avevano affidato l'elezione del nuovo papa. Fu amico intimo di San Tommaso d'Aquino.