Questo sito contribuisce alla audience di

Ansèlmo di Lucca

vescovo, santo (? 1036-Mantova 1086). Con lo zio, papa Alessandro II, attese alla riforma della Chiesa milanese, appoggiando il partito patarino. Nel 1073 fu eletto dallo zio vescovo di Lucca e si recò poi in Germania per ricevere l'investitura da Enrico IV, provocando il biasimo del nuovo papa Gregorio VII. A Lucca tentò d'introdurre la riforma che aveva iniziato a Milano, ma fu scacciato dai partigiani di Enrico IV. Ritornò più tardi a Milano in qualità di vicario apostolico e vi svolse una notevole azione politica. Festa il 18 marzo.

Media


Non sono presenti media correlati