Questo sito contribuisce alla audience di

Antonini, Giàcomo

generale e patriota italiano (Prato Sesia 1792-Torino 1854). Ufficiale dell'esercito napoleonico, combatté in Russia (1812) e in Germania (1813) conseguendo la Legion d'onore. Arruolatosi nel 1824 nell'esercito polacco, fu condannato a morte dai Russi, e dovette fuggire errando per l'Europa. Nel 1834, dopo essersi affiliato alla Giovine Italia, partecipò alla spedizione della Savoia; nel 1848 ebbe il comando dell'esercito della Repubblica Veneta, perdendo un braccio in una battaglia contro gli Austriaci. Deputato di Borgosesia per tre legislature, nel 1849 sperò fino all'ultimo che La Farina, ministro della Guerra, gli affidasse il comando delle truppe siciliane.

Media


Non sono presenti media correlati