Questo sito contribuisce alla audience di

Apollònia di Illìria

antica città dell'Illiria fondata nel 588 a. C. da coloni di Corinto e Corcira presso l'attuale località di Pojani poco a W di Fier (Albania sudoccidentale). Alleata di Roma fin dal 260 a. C., fu un importante centro della costa orientale dell'Adriatico. In età ellenistica era sede di una famosa scuola di retorica. Gli scavi archeologici hanno riportato alla luce le mura, lunghe 4 km, in blocchi di calcare. Di età ellenistica sono il portico (sul muro di terrazzamento alla collina, con nicchie e semicolonne) e un tempietto a base rettangolare, ricavato da una nicchia nel muro del portico. All'epoca dell'Impero romano risalgono l'odeon rettangolare, le terme e il Monumento agli Agonoteti (19×15 m) luogo di riunioni pubbliche con cavea e orchestra all'interno. Davanti all'odeon sorgeva un arco trionfale a tre fornici (di cui rimangono alcuni elementi) e vicino un obelisco. Le necropoli conservano tombe greche (dal sec. VI a. C.) e romane monumentali. Tipiche di Apollonia di Illiria sono le stele in calcare, simili al tipo tarantino. Fra le numerose sculture ritrovate sono da ricordare una copia del Satiro in riposo di Prassitele (Parigi, Louvre), una copia dell'Ares Ludovisi (Vienna, Kunsthistorisches Museum) e una copia del Meleagro di Scopa (Tirana).