Questo sito contribuisce alla audience di

Appennìno Tósco-Emiliàno, Parco Nazionale dell'-

Guarda l'indice

superficie 227,92 km², altitudine 700-2121 m s.m. (monte Cusna), province: Lucca, Massa-Carrara, Parma, Reggio nell'Emilia. Sede provvisoria a Reggio nell'Emilia. Istituzione: 2001.

Territorio

Questo parco nazionale è di recente istituzione: si trova sui crinali che dividono Toscana ed Emilia-Romagna, sull'Appennino Tosco-Emiliano. Il suo territorio riunisce due parchi regionali e quattro riserve naturali statali, un ampio manto boscoso dove svettano montagne come il Cusna, il monte la Nuda e l'Alpe di Succiso. Sul versante toscano comprende una vasta area della Lunigiana, dove si trovano antichi borghi e fortezze medievali. Sul lato emiliano, nell'area del Reggiano, si possono incontrare architetture tipiche come le tegge, costruzioni in pietra e tetto di paglia. Nella stessa area si trova anche la famosa Pietra di Bismantova, circondata da formazioni anidritiche dette Gessi Triassici, risalenti a 200 milioni di anni fa. I valichi che attraversano l'Appennino in questa zona sono il passo di Lagastrello (1200 m) e il passo del Cerreto (1261 m).

Flora e fauna

L'area del parco comprende ambienti piuttosto vari: a quote basse vegetano boschi di latifoglie (querce e castagni), mentre più in alto si trovano faggete e anche abeti bianchi, più tipici dell'ambiente alpino. Intorno ai 2000 m di quota si incontrano ginepri nani e distese di prati punteggiati di cespugli di mirtilli neri. Il giardino botanico dell'Orecchiella permette di osservare i numerosi endemismi, soprattutto piante erbacee (varie specie di sassifraghe, orchidee, giglio martagone eccetera). La fauna è estremamente varia: la nutrita presenza di marmotte (più tipiche dell'ambiente alpino) ha favorito l'incremento dell'aquila reale, che trova in questo mammifero la sua preda preferita. Numerose le specie di uccelli che popolano l'area: predatori come il barbagianni e il biancone, martin pescatori e merli acquaioli, usignoli, pittime, beccacce eccetera. Tra i mammiferi si possono citare la puzzola, il ghiro, la lontra, il tasso, il cervo, il capriolo e la volpe.