Questo sito contribuisce alla audience di

Archi (paleontologia)

località di interesse paleontologico, situata a pochi chilometri da Reggio di Calabria. In livelli di sabbie e ghiaie fluviali della serie stratigrafica che costituisce la collina di San Francesco d'Archi è stata rinvenuta, nel 1970, una mandibola attribuita a un bambino neandertaliano di cinque-sei anni di età. La mandibola era associata a resti di elefante antico, Rhinoceros mercki, ippopotamo, bue primigenio, megacero e cervo elafo. Tra i resti di uccelli, particolare rilievo assume la presenza di una specie tipicamente fredda quale l'alca impenne. Il reperto fossile umano, privo delle branche montanti, presenta strette affinità con la mandibola neandertaliana di bambino rinvenuta nel corso delle ricerche di D. Garrod (1925-26) a Devil's Tower (Gibilterra), associata a industria musteriana.