Questo sito contribuisce alla audience di

Arduini, Carlo

patriota italiano (Civitella del Tronto 1815-Oulens, Vallese, 1881). Dapprima favorevole a Pio IX e al riformismo liberale, radicalizzò dopo il 1848 le sue posizioni avvicinandosi al pensiero mazziniano. Deputato all'Assemblea Costituente romana (1849), ne fu attivissimo sostenitore. Caduta la repubblica, si rifugiò in Svizzera accettando di succedere al De Sanctis alla cattedra di lingua e letteratura italiana presso l'Università di Zurigo. Nel saggio La nazionalità italiana (1855) Arduini ribadì il suo sentimento antipapale e giudicò la Chiesa cattolica come il più grave ostacolo al raggiungimento della coscienza nazionale.