Questo sito contribuisce alla audience di

Argentàrio, Marco

poeta latino dell'età augustea, da identificare probabilmente con il retore Argentario ricordato da Seneca il Vecchio. Si hanno di lui, nell'Antologia Palatina, quasi 40 epigrammi di argomento amoroso e conviviale, caratterizzati dal gusto della battuta spiritosa e del gioco di parole. Pur conservando la sua sorridente fisionomia, imitò da vicino i maggiori poeti ellenistici.