Questo sito contribuisce alla audience di

Aristarco di Samo

(greco Arístarchos; latino Aristarchus), filosofo, astronomo e matematico greco (ca. 310-230 a. C.). Discepolo di Stratone di Lampsaco, ebbe, con Eraclide Pontico, il grande merito di avere tra i primi sostenuto la teoria eliocentrica del sistema solare, spiegando con l'inclinazione dell'asse di rotazione della Terra le variazioni delle stagioni. La dottrina di Aristarco, contraria non solo a certe credenze religiose ma anche alla teoria dei luoghi sostenuta da Aristotele, incontrò una decisa opposizione; lo stesso Aristarco pose comunque un fondamento geocentrico al trattato che lo rese celebre, ed è l'unico giunto sino a noi, Sulle dimensioni e distanze del Sole e della Luna, in cui descrive il primo tentativo di misurare le distanze relative del Sole e della Luna dalla Terra usando metodi geometrici che, pur teoricamente esatti, in pratica fornirono dei valori molto inferiori a quelli reali per la mancanza di strumenti adeguati. Aristarco determinò anche, con relativa precisione, il valore della parallasse solare.