Questo sito contribuisce alla audience di

Armfelt, Gustaf Mauritz

politico e generale svedese (Juva 1757-Carskoe Selo 1814). Delegato da Gustavo III di Svezia, prese parte ai negoziati con Caterina II (1783) e con il governo danese (1787). Protagonista durante la guerra russa del 1788-90, fu costantemente fedele a re Gustavo, appoggiandolo anche in occasione della rivolta della nobiltà. Nominato membro del consiglio di reggenza durante la minorità di Gustavo IV, fu ambasciatore svedese a Vienna (1802) e comandante in capo delle forze svedesi dal 1805 al 1807 in Pomerania. Esiliato da Bernadotte (Carlo XIV) dopo la rivoluzione del 1809, manifestò apertamente il suo sentimento antifrancese, diventando collaboratore dello zar Alessandro e preparando, pare, il piano militare russo della campagna napoleonica. Dal 1812 fu governatore della Finlandia.