Questo sito contribuisce alla audience di

Arróne

comune in provincia di Terni (14 km), 243 m s.m., 40,98 km², 2696 ab. (arronesi), patrono: san Giovanni Battista (24 giugno).

Sorto sulla sommità di un colle roccioso alla sinistra del fiume Nera, si è poi sviluppato in basso, ai lati della strada che sale a Polino. Fu dal sec. IX feudo degli Arroni, da cui prese il nome, e dal sec. XIII fu sottoposto all'autorità di Spoleto. Conobbe una certa importanza in età medievale per la sua posizione strategica sulla strada tra l'Abruzzo e il Ducato di Spoleto.⿿ Il borgo medievale è racchiuso da mura e dominato dal castello e dalla torre degli Olivi. Custodisce la chiesetta gotica di San Giovanni (sec. XIII), con dipinti quattrocenteschi ispirati all'opera di Filippo Lippi. Di rilievo anche la parrocchiale di Santa Maria e i palazzi nobiliari. A Casteldilago è il santuario della Madonna dello Scoglio, addossato a una roccia a strapiombo in posizione panoramica sulla valle del Nera.⿿ L'economia è prettamente agricola (olivo) e vede la presenza di piccole aziende del settore alimentare. In crescita il turismo, attratto dalla bellezza della valle del Nera, dove si pratica la canoa.

Media


Non sono presenti media correlati