Questo sito contribuisce alla audience di

Arthur, Chester Alan

ventunesimo presidente degli USA (Fairfield 1830-New York 1886). Figlio di un pastore del Vermont, avvocato e uomo politico a New York, nel 1871 fu nominato dal presidente Grant esattore doganale del porto di New York. Coinvolto nello scandalo delle cariche pubbliche, fu allontanato dal suo incarico dal presidente Hayes. Esponente del gruppo del senatore Conkling, fu imposto come candidato alla vicepresidenza dai seguaci di Grant alla Convenzione repubblicana del 1881. Alla morte del presidente Garfield, nello stesso anno, divenne a sua volta presidente, dimostrandosi, a smentita dei timori suscitati dal suo passato, capace e onesto. Nonostante ciò la sua candidatura per un secondo mandato presidenziale fu respinta dalla Convenzione repubblicana del 1884, che gli preferì J. G. Blaine.

Media


Non sono presenti media correlati