Questo sito contribuisce alla audience di

Asìnio Gallo, Gàio

(latino C. Asiníus Gallus), uomo politico romano (m. 33 d. C.). Figlio di Asinio Pollione, divenne console nell'8 a. C. Abilissimo oratore, cadde in disgrazia di Tiberio, di cui aveva sposato la prima moglie, Vipsania Agrippina (omonima e sorellastra di Agrippina Maggiore). Incarcerato, si lasciò morire di fame.

Media


Non sono presenti media correlati