Questo sito contribuisce alla audience di

Ascèa

comune in provincia di Salerno (94 km), 235 m s.m., 37,63 km², 5392 ab. (asceoti), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro situato sul litorale del Cilento, che comprende un borgo medievale, arroccato su un colle in vista del mare, e uno moderno, situato lungo il litorale; è compreso nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano.Il borgo medievale si formò nel sec. VIII-IX, in seguito a devastanti inondazioni e alle incursioni barbariche e saracene, che costrinsero gli abitanti dell'antica città di Velia a ritirarsi sul colle. Subì gravi danni nel terremoto del 1980.§ Il borgo storico, che conserva la struttura medievale, è dominato dal maestoso palazzo Ricci (sec. XVIII). A Marina di Ascea sono il caratteristico “quartiere arabo” e diverse architetture signorili, tra cui i palazzi Alario, Torrusio e Ferolla.§ Alla coltivazione dell'olivo e della vite (cilento DOC) si aggiunge una cospicua produzione di castagne. Molto redditizia è la pesca. Attività industriali sono presenti nei settori alimentare (olio, mozzarella di bufala DOP), dei materassi e dei materiali da costruzione (calcestruzzo). Notevole il turismo estivo, escursionistico nel Parco del Cilento e archeologico a Velia, con un settore agrituristico in sviluppo. § Verso l'interno è il borgo di Catona, citato nel 1187, dall'integro impianto medievale; poco distante è il Santuario della Madonna del Carmine. Di notevole interesse è, poco a N di Marina di Ascea, il sito archeologico di Elea, città fondata dai Focesi nel sec. VI a. C. e chiamata Velia dai Romani (sec. II-I a. C.), uno dei maggiori centri culturali della Magna Grecia e patria della scuola filosofica di Parmenide e Zenone (sec. V a. C.).

Media


Non sono presenti media correlati