Questo sito contribuisce alla audience di

Aston Martin

industria automobilistica inglese, fondata nel 1913 da Lionel Martin in origine col nome di Bamford and Martin da lui mutato poi in Aston Martin, a ricordo della vittoria che aveva riportato nella corsa in salita, con partenza dalla città di Aston. Specializzata nella costruzione di vetture sportive, la società ha partecipato con successo a numerosissime competizioni (si ricordano in particolare quelle di Le Mans, Spa, Tourist Trophy, Nurburgring, Aintree) conquistando nel 1959 il campionato mondiale marche. Le prime vetture adottano motori di 1,5 litri a valvole laterali. Nel 1925, la Aston Martin si trova in crisi ed è posta il liquidazione e alla fine dell'anno è acquistata da W.S.Renwick. La produzione è allora trasferita da Londra a Feltham (Middlesex). Il modello alla base delle nuove vetture è dotato di motore a 4 cilindri di 1,5 litri con albero a camme in testa. Il problema finanziario, tuttavia, rimane e dopo una breve unione con la Frazer Nash, nel 1931, e con la Prideaux Brune, la Società passa nel 1933 sotto il controllo di R.G. Sutherland. Nel 1937, esce un nuova 2 litri che si ricollega stilisticamente alla 1,5 litri. La prima vettura del dopoguerra monta un motore di 2 litri ad aste e bilancieri progettato da Claude Hill ed è caratterizzata da sospensioni anteriori indipendenti. Nel 1947, l'azienda è rilevata dal gruppo di David Brown. Esce allora un nuovo modello, la DB1 con motore a 6 cilindri di 2,6 litri a doppio albero a camme. Nel 1953, esce la DB3, una “sport” protagonista delle gare di durata dell'epoca, soprattutto con la versione DB3S dotata di telaio a scala e ponte posteriore De Dion. Nel 1960, è allestita la DB4 con propulsore a 6 cilindri di 3,7 litri in alluminio con doppio albero a camme in testa e sospensione posteriore a bracci oscillanti longitudinali e molle elicoidali. Il modello successivo, la DB5, del 1963, presenta un motore di 4 litri. Una vera 4 posti appare nel 1966 con la DB6, seguita l'anno successivo dalla DBS e dalla DBS Vanatge. Del 1970 è la DBS V8 in alluminio di 5,4 litri. Nel 1972, la Casa è ceduta alla Company Development Ltd., mentre nel 1984, il controllo passa all'americana Automotive Investment. Venne così presentata la lussuosissima Tickford Lagonda, una vettura con motore da 5300 cc.