Questo sito contribuisce alla audience di

Atina

comune in provincia di Frosinone (53 km), 481 m s.m., 29,80 km², 4484 ab. (atinati), patrono: san Marco Galileo (1° ottobre).

Principale centro della val di Comino. Potente città dei Volsci, fu importante municipio romano. Distrutto prima dai barbari poi dai Longobardi, fece parte del Ducato di Benevento (sec. VII), passando poi ai conti di Capua, ai Normanni e all'abbazia di Montecassino. Distrutto da un terremoto nel 1349, fu riedificato dai Cantelmi e passò infine ai Gallio. § Notevole è il patrimonio architettonico. L'abitato conserva le mura medievali con abitazioni e porte; il palazzo Cantelmi (sec. XIV), che ospita la biblioteca e il Museo Civico; il Palazzo Arcivescovile, con facciata curvilinea e portico; la parrocchiale dell'Assunta, del sec. XI ma rifatta nel 1745, con due piccoli campanili e un ricco battistero in legno di età barocca; e tratti di mura sannite e romane. § L'industria opera nei settori meccanico, edile e cartario. All'agricoltura (frumento, vigneti DOC e oliveti) si affianca l'allevamento bovino e avicolo (con produzione casearia). Attivo l'artigianato del ferro e del rame. Il centro è meta di turismo estivo ed escursionistico. § In estate vi si svolge un importante festival di musica jazz.