Questo sito contribuisce alla audience di

Aurigo

comune in provincia di Imperia (20 km), 431 m s.m., 9,46 km², 346 ab. (aurighesi), patrono: santi Pietro e Paolo (29 giugno).

Centro dell'alta valle del torrente Impero. Appartenne ai conti di Ventimiglia, signori del Maro. Passò successivamente ai Lascaris e, infine, ai Savoia, che lo diedero in feudo ai De Gubernatis. § La chiesa di Sant'Andrea, nella parte più antica del borgo, è un edificio romanico del sec. XI rifatto in forme barocche: unici resti della fabbrica originaria sono alcune parti dell'abside e il campanile. Il palazzo De Gubernatis, risalente al sec. XV, è vicino ai resti del castello dei conti di Ventimiglia (sec. XII). Il santuario di San Paolo, preceduto da edicole tardomedievali, fu costruito su un precedente edificio, trasformato nel sec. XVI e ancora nel 1719 in forme barocche. La parrocchiale (1700) ha la facciata della fine del sec. XVIII e all'interno pregevoli stucchi coevi. § Centrale è il ruolo dell'olivicoltura, cui si affianca l'allevamento bovino.