Questo sito contribuisce alla audience di

Aussa

Guarda l'indice

Generalità

Regione dell'Eritreasudorientale, situata al confine con gli stati di Gibuti e dell'Etiopia. Si tratta di una zona di basseterre malariche, numerosi laghi (Gamarri, Abbé) e acquitrini salati, formati dal fiume Auasc. Risorse degli abitanti (rappresentati da Dancali per lo più nomadi) sono l'agricoltura (cotone, tabacco), l'allevamento (bovini, ovini, caprini, cammelli) e l'estrazione del sale. Centri principali sono Aisaita e Arissa.

Storia

Sembra che in epoca preistorica la regione facesse parte di un regno indigeno, di nome sconosciuto e territorialmente coincidente all'incirca col successivo Sultanato di Adal. Nel sec. III a. C., frantumatosi il regno indigeno per l'invasione di gruppi di Arabi, l'Aussa godette di una certa indipendenza. In epoca cristiana l'Abissinia estese probabilmente la sua sovranità sulla Dancalia nella zona di Aussa sino a quando, tra i sec. IX e XI, nuovi invasori arabi, ora di religione musulmana, penetrarono sulla costa somala ricostruendo l'antico regno, che nel sec. XIV appare per la prima volta col nome di Adal e sotto la cui sovranità la regione venne a trovarsi fino a quando, in seguito alla decadenza del regno, divenne centro del Sultanato dell'Aussa. Quest'ultimo, fondato dai capi di Adal che si erano ritirati verso l'interno, riconosceva l'alta sovranità dell'Abissinia e in particolare del re di Scioa che, ancora alla vigilia dei contatti con gli Europei, si attribuiva il titolo di re di Adal. Il 15 marzo 1883 il conte Pietro Antonelli stipulava con Muhammed Anfārī, sultano di Aussa, una convenzione di amicizia e commercio che, rinnovata il 9 dicembre 1888 e comunicata ai firmatari dell'Atto Generale di Berlino, stabiliva praticamente un protettorato italiano; dopo la guerra italo-abissina del 1894-96, Menelik riaffermò la sua completa sovranità sulla regione, che dal 1936, dopo la conquista italiana e la creazione dell'Impero di Etiopia, fu incorporata nel governatorato dell'Eritrea; dopo la seconda guerra mondiale l'Aussa tornò a far parte integrante dell'Etiopia. Oggi è una regione dell'Eritrea sudorientale